Comunicato stampa
V
incenzo Vicari fotografo. Il Ticino che cambia
29 agosto 2020 – 11 aprile 2021 
Dal 29 agosto 2020 all’11 aprile 2021 una serie di esposizioni dedicate al fotografo ticinese Vincenzo Vicari coinvolgeranno alcune istituzioni e associazioni attive a diverso livello sul territorio cantonale: si comincerà con la prestigiosa mostra di apertura al Museo d’arte della Svizzera italiana (MASI) a Palazzo Reali, che presenterà l’intera parabola professionale e artistica di Vincenzo Vicari, per poi approfondire con esposizioni tematiche alcuni aspetti della storia umana e sociale del Cantone. 
Al Museo della Pesca di Caslano saranno esposti i volti dei pescatori e le vedute dal lago dei principali borghi del Ceresio; alla Casa Rotonda di Corzoneso (Fondazione archivio fotografico Roberto Donetta) sarà dato spazio all’architettura e, nello specifico, al confronto tra le pietre del Romanico e il cemento della nuova industria idroelettrica; all’antico Torchio a Sonvico (Archivio audiovisivo di Capriasca e Val Colla, Associazione Amici del Torchio di Sonvico) il tema centrale sarà il dialogo tra fotografia e testimonianza orale sulla ruralità; infine, a Villa Negroni di Vezia (Associazione Bancaria Ticinese) saranno in mostra fotografie incentrate sul mondo del lavoro in tutte le sue sfaccettature ed evoluzioni. 
Il progetto, coordinato dalla Divisione cultura della Città di Lugano e curato da Damiano Robbiani, sancisce un primo e importante punto di arrivo del complesso progetto di valorizzazione del fondo fotografico Vincenzo Vicari, che ha permesso la catalogazione, il restauro e la digitalizzazione di oltre 5’000 negativi, grazie al sostegno di Memoriav, la rete nazionale per la salvaguardia del patrimonio culturale audiovisivo, in collaborazione con l'Istituto svizzero per la conservazione della fotografia di Neuchâtel. 
Le mostre saranno completate da un volume monografico e da due progetti digitali. 

L’animazione, della durata di un paio d’ore, combina una serie di attività ludiche alla visita della collezione del museo. I ragazzi e gli insegnanti, accompagnati da guide esperte, si sposteranno attraverso le varie sale, intervallando la scoperta delle antiche tradizioni di pesca a giochi di gruppo, racconti e attività sensoriali, volti alla conoscenza dei pesci e degli altri organismi che abitano le nostre acque. Un’esperienza divertente e completa, un vero e proprio viaggio nel misterioso mondo sommerso.

Tags:

Una finestra sulla cultura.
Quando le sedi dei musei sono chiuse, le proposte entrano a casa vostra online!

@home-Museum è un’offerta di Kuverum – corso CAS in  mediazione culturale e partecipazione culturale.
Anche se i musei sono attualmente chiusi a causa del Coronavirus, vogliono offrire esperienze museali da vivere a casa.
L’offerta è rivolta a bambini, giovani, genitori, nonni, insegnanti, assistenti di cura e a tutti coloro che non possono e non vogliono fare a meno della cultura in questi tempi.

Stare al passo con i tempi, avvalersi delle applicazioni tecnologiche, ampliare le modalità di accesso per conoscere ciò che un museo offre e mette a disposizione. Ebbene è quanto, fra i primi in Ticino in ambito museale, il Museo della pesca di Caslano è in grado di proporre al pubblico, agli appassionati  di questo mondo in esposizione: la visita virtuale in modalità 3D, vale a dire tridimensionale.

In sostanza collegandosi al sito web del Museo della pesca, con un ulteriore clic, gli utilizzatori e interessati possono provare la sensazione di entrare nel museo, di vedere e percorrere le varie sezioni, di soffermarsi sui dettagli, in piena libertà.

Un’occasione in più, per chi ci è stato di persona, che consente di ritrovare luogo, edificio , l’insieme e i dettagli dei contenuti museali. Ma pure, per chi si appresta a visitarlo da solo o a gruppi, strumento di preparazione e di organizzazione per godere poi appieno di quanto è messo a disposizione.

Questo il link per fruire di questa opportunità.

Cerca nel sito

Orari e prezzi

Aperto da aprile a ottobre. Orario: martedi, giovedi e domenica, 14.00-17.00; luglio e agosto dalle 16.00-19.00
Maggiori dettagli

Sostieni il museo

Qualsiasi cifra è benvenuta, Grazie di cuore!



Musei etnografici

Free Joomla! template by L.THEME